AGLIO, CIPOLLA, SCALOGNO,

L'aglio, la cipolla e lo scalogno sono prodotti conosciuti in tutto il mondo, oggetto di importanti scambi e la cui definizione standard ha sempre maggiori consensi. La produzione e la vendita sono quindi caratterizzate da grande competizione sul prezzo e la qualità.
Il mercato tiene molto alla specificità del prodotto: calibro corretto, rivestimento esterno piacevole, uniformità dei lotti.
Per le aziende che si sono specializzate in questo tipo di produzione, il profitto realizzato e la resa sono molto importanti. Così come la gestione delle diverse fasi di coltivazione: preparazione del terreno, scelta delle varietà, gestione dell’irrigazione e della concimazione. Per conseguire con successo questo risultato sono necessari investimenti mirati.

SCELTA DEL TERRENO

La corretta preparazione del terreno consente di avere un popolamento uniforme e di favorire il radicamento. Ciò condiziona la fase successiva della coltivazione.

PREPARAZIONE DEL TERRENO

Una buona preparazione del suolo permette di ottenere un popolamento omogeneo e favorisca il radicamento. Condiziona il seguito della cultura.

LE VARIETA

La scelta delle varietà è vincente. Si base su tre considerazioni :
• l’idoneità agricola della latitudine interessata ;
• La qualità commerciale ;
• La tempistica

SCERBATURA DI AGLIO, CIPOLLA E SCALOGNO

La scerbatura è una fase delicata della coltivazione. L'aglio, la cipolla e lo scalogno sono molto sensibili alla presenza di erbacce, che inoltre intralciano la raccolta.
In questo momento, non esistono erbicidi in grado di garantire una scerbatura per l’intera durata della coltivazione. La scelta del programma di scerbatura deve avvenire in base alle erbacce rilevate nella parcella sulle coltivazioni precedenti.

PIANO DI CONCIMAZIONE

La concimazione di base deve ristabilire un livello di fertilità sufficiente.
La concimazione di copertura permette di distribuire l’azoto secondo le esigenze della coltivazione. A tal fine, è necessario eseguire il monitoraggio della disponibilità di azoto del terreno durante la coltivazione.

IRRIGAZIONE

Si sconsiglia di avviare la produzione di aglio, cipolla o scalogno se non è possibile irrigare.
È essenziale coprire il fabbisogno di acqua della coltivazione durante la formazione dei bulbi.

MISURE DI PROTEZIONE DELLE PIANTE

Ogni anno, vengono fatti degli aggiornamenti per garantire una protezione efficiente, condizione essenziale perché la coltivazione vada a buon fine.
Sono fornite informazioni dettagliate sulla biologia dei parassiti e degli agenti patogeni.

MONITORAGGIO DELLA COLTIVAZIONE

La coltivazione di aglio,cipolla e scalogno è lunga. Il delicato impianto richiede un controllo molto attento per garantire un corretto popolamento.
Successivamente, è importante favorire l’evoluzione rapida del fogliame al fine di avere un numero sufficiente di foglie ben sviluppate, prima della formazione dei bulbi.
Il funzionamento adeguato dell’apparato fogliare nel corso della formazione dei bulbi influisce sull’ingrossamento del bulbo che a sua volta determinerà la resa finale.
Le operazioni colturali eseguite devono essere stabilite in base a queste esigenze per evitare i rischi legati a erbacce, parassiti, malattie, mancanza d’acqua e d’azoto.

RACCOLTO

Il raccolto è la fase colturale durante la quale il rischio di danneggiare aglio, scalogno e cipolla è maggiore. In genere, registriamo dal 15 al 20% di prodotti anomali o “svestiti”. Prima della raccolta è possibile eseguire un trattamento anti-germinativo.

ESSICCAZIONE

Al momento dell'ingresso nella sala manutenzione è essenziale un’operazione di essiccazione delle foglie residue e di rimozione dell’umidità dal bulbo. Le modalità di essiccazione variano in funzione dello stato della produzione. Il know-how del produttore deve consentire di adattare la gestione alla situazione in un dato momento.

CONSERVAZIONE

Una temperatura compresa tra 0 e 4 °C garantisce la conservazione adeguata, con un’umidità relativa di circa il 70-75%.
All’interno di un silo ventilato, difficilmente è possibile mantenere queste condizioni.
Dipendono dal clima, dalla sorgente di freddo e dalla qualità dell’isolamento della costruzione.

QUALITÀ COMMERCIALE

L'aglio,la cipolla o lo scalogno di qualità devono essere asciutti e consistenti, senza germinazione apparente o latente (germoglio invisibile in un profilo equatoriale).
Sono ben fatti e con tunica uniforme. Sono depicciolati in modo corretto.
Condizioni di conservazione adeguate sono essenziali per ottenere bulbi consistenti senza segni di germinazione.

I criteri qualitativi

L’aglio, la cipolla, lo scalogno sono consistenti fino all’avvio vegetativo, in seguito a interruzione della dormienza. Tra le varietà vi sono differenze.
La consistenza inadeguata imputabile a un attacco di nematodi, durante la coltivazione, può determinare la struttura spugnosa delle squame esterne.
In ultimo, anche la decomposizione batterica può compromettere le squame.

Home  |  semi  |  consumazione  |  commercializzazione  |  Suggerimenti Cultura  |  Contatto  |  Mappa del sito
X
Scarica i nostri moduli d'ordine :
Consumo di aglio
Sementi biologiche
Formulàrio per richièsta offèrta